Skip to main content

Il test del senso morale / The moral sens test / Encuesta de juicio moral / 是非观测试

Il moral sense test (MST) è un test on line ideato da Marc Hauser docente alla Harvard university e due suoi studenti Fiery Cushman e Liane Young agli inizi del 2000, che si propone di indagare sull'ipotesi di una grammatica morale universale. Nei primi 5 anni dall'attivazione del sito per questo test, con la sola versione linguistica inglese ci informa Hauser nel suo libro Moral minds, 2006, trad. it. Menti morali 2007, sono stati raccolti dati da 60.000 soggetti di 120 nazioni. Il test verte su domante inerenti a dilemmi morali appositamente costruiti e su richieste di giustificazione dei giudizi dati. Nel frattempo alla versione inglese del test si sono aggiunte anche le versioni: spagnola, cinese e olandese.

L'ipotesi da cui parte il gruppo di ricerca è che esista, come per l'istinto del linguaggio, “un insieme di strumenti per costruire sistemi morali specifici. Una volta acquisite le norme morali specifiche della nostra cultura – un processo più simile allla crescita di un arto che a una lezione di catechismo sui vizi e le virtù – giudichiamo se le azioni sono lecite, obbligatorie o proibite senza bisogno di un ragionamento conscio e di un ricorso esplicito ai principi soggiacenti. [...] I nostri istinti morali sono immuni ai comandamenti espliciti trasmessi dalle religioni e dalle autorità. A volte le nostre intuizioni morali convergono con quelle dettate dalla cultura, a volte ne divergono...” Fonte: Marc D. Hauser, Menti morali, p. 9-10.

L'importanza di questa indagine sulla facoltà morale, che si avvale di molti contributi di studiosi di scienze umane e sociali, risiede anche nel tracciare un sentiero condiviso con le scienze umane.

Comments

Aurora said…
Interessante davvero... e complimenti per il blog, è davvero ricco di "buone idee"! ;-)
CC said…
Aurora, grazie! Mi dai in questo modo anche l'opportunità di conoscere il tuo blog.

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…