Skip to main content

Posts

Showing posts from January, 2013

Italia2013: un sito web per le prime elezioni "social"

"È possibile raccontare storie, mettere ordine e ricostruire senso giornalistico a partire da fonti molteplici e scollegate, avere il polso dei fatti monitorando le conversazioni in rete?.." il seguito su European journalism observatory (EJO).
Ci stanno provando Riccardo Luna e Marco Pratellesi (coordinatori editoriali) col progetto Italia2013.

Cosa sono il salario minimo garantito e il reddito minimo garantito

Salario minimo garantito: retribuzione di base oraria, giornaliera o mensile che i datori di lavoro devono, in base ad una norma, corrispondere ai lavoratori.
Per approfondire: Infografica (dicembre 2011) di Linkiesta.it.

Reddito minimo garantito: strumento di contrasto all'esclusione sociale.
Espressioni equivalenti: reddito di cittadinanza, reddito sociale garantito, reddito universale, reddito minimo di esistenza.
Per approfondire: Infografica (dicembre 2011) di Linkiesta.it.

Giovanna Bemporad: 1928-2013

Come redigere un testo radiofonico

In un piacevole scritto di 18 p. dal titolo Norme per la redazione di un testo radiofonico, Carlo Emilio Gadda descrive undici regole per rendere graditi e comprensibili i testi da trasmettere attraverso la radio.
Il testo fu scritto per la ERI e pubblicato dallo stesso ente nel 1953.

Un significativo estratto è pubblicato sul sito del linguista Matteo Viale.

La versione "integrale del preziosissimo decalogo datato 1953 scritto da Carlo Emilio Gadda..." in Le inderogabili norme e cautele di Gadda [integrazione del 26 gennaio 2016].

Stretto di Messina: nuovi dati geologici e geofisici

"La mattina del 28 Dicembre del 1908, un violento terremoto seguito da tsunami devastò la regione adiacente lo Stretto di Messina causando più di sessantamila vittime. Quale sia stata la sorgente sismica che causò il terremoto del 1908 ed il successivo tsunami, è ancora motivo di dibattito. Nel corso dei secoli diversi forti terremoti si sono succeduti in quest’area, oggi densamente popolata e dove imponenti infrastrutture sono in via di pianificazione. Risulta dunque evidente la necessità di comprendere al meglio l’assetto strutturale dell’area per una corretta valutazione del rischio sismico e geologico.

Un passo in avanti verso la comprensione delle strutture attive che interessano l’area dello Stretto di Messina è stato fatto grazie ad uno studio geologico-geofisico condotto con la nave oceanografica Urania (campagna TIR10, ottobre 2010), da un gruppo di ricerca dell’Università La Sapienza di Roma, degli Istituti di Scienze Marine (Ismar), di Geologia Ambientale e Geoingegne…