Skip to main content

Posts

Norway, the neglected bridges / Norvegia, i ponti trascurati

Un buon esempio di giornalismo investigativo sullo stato di manutenzione dei ponti sulle strade gestite dalla Norwegian Public Roads Administration (NPRA) è ampiamente descritto nel blog di Mario Tedeschini Lalli in Ponti fatiscenti e giornalismo un bell'esempio dalla Norvegia.

La base di dati "The neglected bridges".
Recent posts

Distanza di sicurezza, questa sconosciuta!

Quanto sarebbe quella giusta? 10 metri? 20? 50, 100, 250? La norma non lo specifica, bisogna affidarsi ai calcoli degli esperti di guida sicura: a 50 km/h è di 25 metri, ovvero la lunghezza di due autobus; a 90 km/h non deve essere inferiore a 40 metri, cioè oltre due autotreni, mentre a 130 km/h i metri di distanza da tenere sarebbero almeno 130, quindi più o meno un campo da calcio, giusto per avere un'idea. [...] Secondo i rilevamenti Istat, nell'anno 2017 si sono verificati ben 33.442 tamponamenti, che risulta il tipo di incidente più diffuso dopo lo scontro frontale-laterale (56.763 casi) e più frequente anche dello scontro laterale (20.751), dello scontro frontale (9.926) dell'urto con veicolo fermo (5.489).LEGGI TUTTO sul quotidiano Automoto.it
Il testo coordinato e vigente del Codice della strada su Normattiva.it

La Regione Piemonte sulla sperimentazione animale

È stato approvato ieri mattina, con emendamenti, dal Consiglio regionale il progetto di legge (PdL) n. 140 "Norme in materia di promozione dei metodi sostitutivi alla sperimentazione animale e istituzione del Comitato etico regionale per la promozione di metodologie sostitutive alla sperimentazione animale".
Il comunicato stampa sul sito del Consiglio regionale.
Il dossier virtuale e l'iter del PdL n. 140.

Un nuovo tipo di divario digitale / A new type of digital divide

"La diffusione delle nuove tecnologie non solo non ha ridotto l'analfabetismo di ritorno: lo ha intensificato. E si approfondisce un nuovo tipo di digital divide. Non intercorre fra chi utilizza e chi non utilizza le nuove tecnologie. Separa, molto più radicalmente, i pochi capaci di servirsi consapevolmente delle nuove tecnologie per navigare nell'oceano sempre in divenire dei saperi, da una parte, e, dall'altra, i molti dotati di tecnologia ma non di cultura, che vedono solo frammenti di informazioni e sono ciechi sulle loro interconnessioni. Le nuove tecnologie sono strumenti che per risultare utili alla formazione della persona hanno bisogno di mappe, di chiavi di lettura, di una maggiore capacità culturale."
Mauro Ceruti, Il tempo della complessità, Raffaello Cortina, Milano 2018.

Bellezza... naturale