Skip to main content

Posts

Showing posts from September, 2016

Ritratto di smartphonizzato

Più che della presenza, lo smartphonizzato ha bisogno dell’assenza degli altri. E questa si può ottenere o con l'astrazione distanziante – collocandoli cioè dall'altra parte della connessione –, oppure con la riproduzione fotografica e filmica della loro realtà. Giacché quell'utente è arrivato persino al punto [...] di riuscire ad apprezzare della realtà degli altri e di tutto il mondo circostante solo quello che fotografa o solo quello che riprende, come se inconsciamente preferisse guardare al mondo non già immediatamente con i suoi occhi, ma mediatamente con gli occhi dello smartphone. In tal modo, come si può intuire, questo strumento telematico non esige solo l’annientamento escludente e l’astrazione distanziante dalla realtà dell’altro e da tutto l'altro, ma anche l’annientamento e l’esclusione dell’utente, ossia il nostro annientamento come soggetti capaci di scelta e di giudizio critico.
[...]
Consapevole però dell’inconsistenza di questi mezzi, specie nei mom…

Tecnologia terahertz per la lettura di libri chiusi

La notizia sul sito del Massachusetts institute of technology (MIT).

La descrizione del prototipo su "Nature Communications".

Abbasso le tavolate!

I motivi? Ce li racconta Francesco Pecoraro nel suo brioso Elementi per una Teoria Generale della Tavolata (TGT).

Un assaggio:
"... è tavolata quando la disposizione dei posti e il numero dei commensali produce automaticamente la frattura del discorso conviviale in n numero di pezzi ad andamento completamente autonomo. Più lunga è la tavolata, più alto e fratturato è il numero dei discorsi che vi si fanno, più inutile e fastidioso è prendervi parte. Ma questo dato, assolutamente evidente e noto a tutti, non impedisce la continua pervicace costruzione di tavolate.

La legge della frantumazione del discorso conviviale non è solo legata al numero dei commensali, all'eventuale presenza di eminenze (capaci da sole di capovolgere la fenomenologia corrente), ma anche alle condizioni di ambiente. Se c’è rumore, se nella stanza, sulla terrazza, nel patio, se nel dehors del locale c’è molta gente, se sono presenti addirittura due o più tavolate, la frantumazione può diventare totale, n…

Per gli appassionati di fotografia naturalistica / For people interested in nature photography

Alessandro Vaio è tra gli espositori di una recente mostra pittorica e fotografica allestita all'Ecomuseo Feltrificio Crumière di Villar Pellice.

Ringrazio l'autore per la cortese autorizzazione a riprodurre quattro sue fotografie.



Bio [IT]
"Mi descriverei come archeologo, viaggiatore, esploratore, fotografo, anche se non necessariamente in questo ordine. Da sempre sono un grande appassionato di natura, fin da quando, da bambino, ho cominciato ad andare in montagna con mio padre. I parecchi libri letti e i numerosi documentari visti mi accompagnarono in questo percorso.

Laureato in archeologia, il fascino della natura, la curiosità e l’interesse per tutte quelle scienze che finiscono in –logia (archeologia, zoologia, ecologia, ecc.) sono state infine la molla che mi ha spinto ad esplorare alcuni dei luoghi più remoti e belli della Terra, alla ricerca di meraviglie naturali o storiche: la natura incontaminata della Groenlandia, le steppe desertiche d’alta quota dell’al…