Skip to main content

La lunga e controversa storia della gestione del bacino del Nilo



Di recente, l'avvio dei lavori di costruzione della Grand Ethiopian Renaissance Dam / diga della Grande Rinascita Etiope sul Nilo Azzurro sta creando tensione tra Egitto ed Etiopia.

Solamente nel 20. secolo si stabilì che il Nilo è parte di un vasto sistema fluviale con decine di affluenti, torrenti e laghi, esteso dal Mediterraneo alle montagne remote del Burundi, nel centro Africa tropicale, e agli altopiani dell'Etiopia, nel Corno d'Africa. Gli ultimi accordi in materia risalgono però a trattati di epoca coloniale, che nel 1929 e successivamente nel 1959 attribuirono a Egitto e Sudan il controllo del 90% delle acque del Nilo.

Una ricostruzione storica, in lingua inglese, della contesa sul Nilo è offerta sul sito dell'Ohio State University: Who Owns the Nile? Egypt, Sudan, and Ethiopia's History-Changing Dam.
In lingua italiana è disponibile, previa registrazione sul sito "Academia.eu", il saggio Idropolitica del Nilo di Luca Muscarà, pubblicato su "Limes" nel 2007.

Per una stima dei costi umani e ambientali: La grande diga del Millennio, luglio 2011, e il recente Giganti africani. La grande diga sul Nilo Azzurro, tra economia e ambiente.

Il sito del Vaticano riferisce che il governo di Khartoum si è dichiarato favorevole alla costruzione della diga. "Il nostro punto di vista non piacerà agli egiziani ma il Sudan trarrà grande beneficio dalla diga" ha affermato il Ministro sudanese della Comunicazione, Ahmed Bilal Osman. Anche il presidente dell'Uganda ha espresso il suo pieno sostegno alla Grand Ethiopian Renaissance Dam, riferisce il "Daily News Egypt".

Al Nilo, considerato sin dai tempi dei faraoni essenziale per la sopravvivenza dell'Egitto, è dedicato un inno contenuto nel papiro Sallier II:

Hail to thee, O Nile, that issues from the earth and comes to keep Egypt alive! …
He that waters the meadows which He created …
He that makes to drink the desert …
He who makes barley and brings emmer into being …
He who brings grass into being for the cattle …
He who makes every beloved tree to grow …
O, Nile, verdant art thou, who makes man and cattle to live.

Fonte dell'immagine: il corso del fiume Nilo e la diga Rinascita. 

Comments

Popular posts from this blog

Digiwhist: un progetto europeo anticorruzione

A facilitare il compito di chi punta a scrutare da vicino le gare è Digiwhist, un progetto europeo che punta a raccogliere, organizzare e rendere disponibili in maniera più semplice e chiara i dati sugli appalti pubblici di 35 Paesi europei (i 28 Stati membri dell’Ue più la Norvegia, la Svizzera, l’Islanda, la Serbia, la Georgia, l’Armenia e le istituzioni europee). I membri di Digiwhist – un consorzio formato da sei istituti di ricerca europei – hanno presentato il loro progetto, pensato all’interno del programma Horizon 2020, in occasione di una conferenza del Parlamento europeo a Bruxelles. L’obiettivo di Digiwhist è duplice: da un lato vuole fornire agli eurodeputati, ai giornalisti e agli attori della società civile strumenti che permettano di seguire il percorso dei finanziamenti pubblici usando l’immensa quantità di dati che le amministrazioni pubbliche rendono disponibili (i cosiddetti Big data); dall’altro saranno le stesse amministrazioni a poter usare Digiwhist per miglior…

A proposito di musica

Cent'anni fa le occasioni in cui qualcuno poteva ascoltare musica erano rare e, per ciò stesso, speciali e qualificate. Oggi c’è gente che passa le giornate in una perenne bulimica stimolazione acustica, ridotta a particelle ritmiche e protomelodiche ridondanti. La stimolazione ‘musicale’ si è ampliata infinitamente, l’esperienza musicale si è assottigliata fino all'insignificanza. Fonte: Andrea Zhok, Su populismo e cultura. Cultura popolare, autoriale, volgare.