Skip to main content

Sul "femmicidio" o "femminicidio"

Il termine "femicide" è stato utilizzato pubblicamente per la prima volta da Diana Russell in occasione del primo Tribunale internazionale sui crimini contro le donne, Bruxelles, 4-8 marzo 1976.
Tradotto in italiano come "femmicidio" compare in una cronaca giornalistica da Bruxelles (quotidiano "La Stampa", 5 marzo 1976) sull'apertura del citato tribunale.
Il termine "femicide", se si consulta Google books Ngram Viewer [link aggiornato il 1. settembre 2014], si è largamente affermato in lingua inglese sul sinonimo (?) "feminicide".



Nelle lingue spagnola e francese, prevalgono invece "feminicidio" e "féminicide".




Il significato del termine in lingua italiana (in cui prevale la traduzione "femminicidio" anziché "femmicidio") non sembra però accogliere la definizione più ampia che ne dà Diana Russell nel suo sito:
After making minor changes in my definition of femicide over the years, I finally defined it very simply as "the killing of females by males because they are female." I'll repeat this definition: "the killing of females by males because they are female." I use the term "female" instead of "women" to emphasize that my definition includes baby girls and older girls. However, the term femicide does not include the increasingly widespread practice of aborting female fetuses, particularly in India and China. The correct term for this sexist practice is female feticide.
Per la differenza tra infanticidio e feticidio nel codice penale italiano -->> 

Sul significato che sta assumento il termine "femminicidio", consultare per esempio il blog "FEMMINICIDIO / Feminicide / Feminicidio" o l'abstract del saggio Donne uccise e donne maltrattate. Stesso passato ma anche stesso destino?

Comments

Popular posts from this blog

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".

Agenda Ambientalista 2018

L’Agenda Ambientalista 2018 con le sue proposte vuole costituire un contributo alla ri-conversione ecologica del Paese rivolto alle forze politiche che si confrontano nella campagna per le elezioni nazionali 2018 e in vista del confronto sul programma del nuovo Governo con il Presidente del Consiglio, che sarà incaricato. Le 23 Associazioni promotrici dell’Agenda Ambientalista 2018 sono: Accademia Kronos, AIIG, Associazione Ambiente e Lavoro, CTS, ENPA, Fare Verde, Federazione Pro Natura, FIAB, Forum Ambientalista, Greenpeace Italia, Gruppo di Intervento Giuridico Onlus, Gruppi di Ricerca Ecologica, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Marevivo, Mountain Wilderness, Rangers d’Italia, SIGEA, Slow Food Italia, TCI, VAS, WWF. LEGGI LE PROPOSTE sul sito del Gruppo d'Intervento Giuridico.