Skip to main content

Anche i cetacei soffrono



"Il traffico marittimo è dannoso per le balene, soprattutto, non c’è bisogno di dirlo, per quelle specie che sono già a rischio di estinzione. Succede infatti che alcune basse frequenze prodotte dai rumori delle navi si sovrappongano ai suoni che le balene usano per comunicare fra di loro. Molto spesso, a causa del traffico marittimo si erano già verificati spostamenti di habitat, variazioni nei comportamenti, e nell’ intensità, nella frequenza e negli intervalli dei suoni che le balene emettono per richiamarsi. In questo studio, pubblicato su Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences si dimostra che l’esposizione alle basse frequenze di una nave può essere associata a stress cronico nelle balene... segue l'articolo Il traffico navale aumenta lo stress nelle balene su Gaianews.it.

Lo studio dal titolo Evidence that ship noise increases stress in right whales, di Rosalind M. Rolland et al, è scaricabile dal sito del periodico Proceedings of the Royal Society. Series B, Biological Sciences.

Per rimanere aggiornati sull'argomento, si può seguire il blog in italiano e il blog/sito in inglese dell'ecologo marino Giuseppe Notarbartolo di Sciara.

Fonte dell'immagine della stenella.

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".