Skip to main content

Anche i cetacei soffrono



"Il traffico marittimo è dannoso per le balene, soprattutto, non c’è bisogno di dirlo, per quelle specie che sono già a rischio di estinzione. Succede infatti che alcune basse frequenze prodotte dai rumori delle navi si sovrappongano ai suoni che le balene usano per comunicare fra di loro. Molto spesso, a causa del traffico marittimo si erano già verificati spostamenti di habitat, variazioni nei comportamenti, e nell’ intensità, nella frequenza e negli intervalli dei suoni che le balene emettono per richiamarsi. In questo studio, pubblicato su Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences si dimostra che l’esposizione alle basse frequenze di una nave può essere associata a stress cronico nelle balene... segue l'articolo Il traffico navale aumenta lo stress nelle balene su Gaianews.it.

Lo studio dal titolo Evidence that ship noise increases stress in right whales, di Rosalind M. Rolland et al, è scaricabile dal sito del periodico Proceedings of the Royal Society. Series B, Biological Sciences.

Per rimanere aggiornati sull'argomento, si può seguire il blog in italiano e il blog/sito in inglese dell'ecologo marino Giuseppe Notarbartolo di Sciara.

Fonte dell'immagine della stenella.

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…