Skip to main content

A Torino il primo master nazionale in "medicina moderna"

"È la medicina basata sull’evoluzione ed integrazione dei farmaci non convenzionali (quali omeopatia, agopuntura, fitoterapia ed altre), che diventano Medicinali diluiti dinamizzati (MDD).

Sono stati presentati oggi [da intendersi: 5 ottobre 2011], presso l’ospedale Molinette di Torino, il “1° Master nazionale di II° livello in Medicina ModernaIntegrazione di Terapie efficaci convenzionali e non convenzionali” e la neonata Fondazione Global Health. E’ la prima iniziativa di questo genere in Italia.
Il Corso inizierà l’8 ottobre 2011 presso il COI (Cooperazione Odontoiatrica Internazionale – Dental School in via Nizza, 230), organizzato dall’ospedale Molinette di Torino (diretto dal dottor Emilio Iodice) e dal professor Beppe Rocca, è inserito in un programma di ricerca nell’ambito di quella che viene definita in un modo un po’ ardito ma emblematico “Medicina Moderna”. Si articolerà in dieci moduli didattici da ottobre a luglio di due giornate ciascuno.

Il progetto di Medicina Moderna integra l’esperienza clinica dei casi pratici dell’omeopatia con la Biologia molecolare, le Neuroscienze e la ricerca sullo stress. Questo nuovo concetto di Medicina assomiglia alla Fisica moderna e quantistica, in particolare all’effetto biologico sulla Fisica e si basa sull’uso moderno dei medicinali omeopatici applicati alle Neuroscienze, alla biologia molecolare ed allo stress..."

La notizia e l'approfondimento del tema proseguono su Microscopio, testata giornalistica di informazione medico scientifica.

Informazioni sul master [integrazione del 2 settembre 2014].

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…