Skip to main content

L’architettura del potere economico globale / The architecture of global economic power

Su "Daily Wired", Martina Saporiti in La rete di imprese che governa il mondo (on line dal 21 ottobre 2011) commenta lo studio di tre ricercatori dello Swiss Federal Institute of Technology che hanno analizzato "la complessa rete di rapporti che lega migliaia di multinazionali..." [scoprendo] "che, tra queste, appena 147 (soprattutto banche) detengono il 40% del potere economico globale. Quindi, alla fine dei conti, le paure degli Indignados non sembrerebbero poi così campate in aria, al di là di qualsiasi semplificazione ideologica..." leggi l'intero testo.

Il draft dei risultati dello studio dal titolo The network of global corporate control.

Stefania Vitali, James B. Glattfelder, Stefano Battiston, The network of global corporate control su "PloS ONE".  [Aggiornamento del 30 ottobre 2011].

Comments

Popular posts from this blog

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".