Skip to main content

I paesi del Mediterraneo


Le culture
Il sito Babelmed attualmente in quattro lingue (francese, inglese, arabo, italiano), progetto dell'omonima associazione costituitasi a Roma nel 2001, è "il primo magazine on line delle culture del Mediterraneo. Il suo nome evoca il Mediterraneo (med), la sua diversità linguistica e culturale (babel); mentre “bab”, che in arabo significa porta, aggiunge l'idea di apertura verso l'altrove."
Pubblica “una moltitudine di articoli, inchieste, ritratti, interviste, appuntamenti, recensioni, rubriche, al fine di dare maggiore visibilità al Mediterraneo creativo, affrontando in questo modo le problematiche maggiori della regione.”
La cooperazione
Unione per il Mediterraneo” è un progetto caldeggiato dal presidente francese Sarkozy - che ne parlò inizialmente come “Unione mediterranea” - che si pone l’obiettivo di consolidare e far progredire la cooperazione tra le due sponde del Mediterraneo. Di recente è stata scelta Barcellona come sede per la sua segreteria.

La France accueillera en 2009 une réunion ministérielle de dix pays de la Méditerranée occidentale sur le thème de l'éducation, a annoncé lundi à Tunis le ministre français de l'Education Xavier Darcos.
Cette conférence réunira, dans le cadre informel du «Dialogue 5+5», les cinq pays de l'Union du Maghreb arabe (Algérie, Libye, Maroc, Mauritanie et Tunisie) avec cinq pays du sud de l'Europe: Espagne, France, Italie, Malte et Portugal. Ce cadre permettra d'avancer sur des «projets concrets» en attendant que la coopération s'engage dans le cadre de l'Union pour la Méditerranée (UPM), qui a pris «quelque retard» en raison de la guerre à Gaza. 
Fonte della notizia
Carta del Mediterraneo

Comments

Popular posts from this blog

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".

Agenda Ambientalista 2018

L’Agenda Ambientalista 2018 con le sue proposte vuole costituire un contributo alla ri-conversione ecologica del Paese rivolto alle forze politiche che si confrontano nella campagna per le elezioni nazionali 2018 e in vista del confronto sul programma del nuovo Governo con il Presidente del Consiglio, che sarà incaricato. Le 23 Associazioni promotrici dell’Agenda Ambientalista 2018 sono: Accademia Kronos, AIIG, Associazione Ambiente e Lavoro, CTS, ENPA, Fare Verde, Federazione Pro Natura, FIAB, Forum Ambientalista, Greenpeace Italia, Gruppo di Intervento Giuridico Onlus, Gruppi di Ricerca Ecologica, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Marevivo, Mountain Wilderness, Rangers d’Italia, SIGEA, Slow Food Italia, TCI, VAS, WWF. LEGGI LE PROPOSTE sul sito del Gruppo d'Intervento Giuridico.