Skip to main content

Ritratto di smartphonizzato

Più che della presenza, lo smartphonizzato ha bisogno dell’assenza degli altri. E questa si può ottenere o con l'astrazione distanziante – collocandoli cioè dall'altra parte della connessione –, oppure con la riproduzione fotografica e filmica della loro realtà. Giacché quell'utente è arrivato persino al punto [...] di riuscire ad apprezzare della realtà degli altri e di tutto il mondo circostante solo quello che fotografa o solo quello che riprende, come se inconsciamente preferisse guardare al mondo non già immediatamente con i suoi occhi, ma mediatamente con gli occhi dello smartphone. In tal modo, come si può intuire, questo strumento telematico non esige solo l’annientamento escludente e l’astrazione distanziante dalla realtà dell’altro e da tutto l'altro, ma anche l’annientamento e l’esclusione dell’utente, ossia il nostro annientamento come soggetti capaci di scelta e di giudizio critico.
[...]
Consapevole però dell’inconsistenza di questi mezzi, specie nei momenti di più angosciosa solitudine, oggi quell'utente così de-ontificato si vede sempre più costretto a ripetere a se stesso non "Penso, dunque sono", bensì "Mi faccio un selfie, dunque sono".

Estratto da: Il "selfismo" e la de-ontologia dello smartphone, di Franco Di Giorgi, pubblicato su "Scenari. Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis".

Comments

Popular posts from this blog

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".