Skip to main content

Per gli appassionati di fotografia naturalistica / For people interested in nature photography

Alessandro Vaio è tra gli espositori di una recente mostra pittorica e fotografica allestita all'Ecomuseo Feltrificio Crumière di Villar Pellice.

Ringrazio l'autore per la cortese autorizzazione a riprodurre quattro sue fotografie.



Bio [IT]
"Mi descriverei come archeologo, viaggiatore, esploratore, fotografo, anche se non necessariamente in questo ordine. Da sempre sono un grande appassionato di natura, fin da quando, da bambino, ho cominciato ad andare in montagna con mio padre. I parecchi libri letti e i numerosi documentari visti mi accompagnarono in questo percorso.

Laureato in archeologia, il fascino della natura, la curiosità e l’interesse per tutte quelle scienze che finiscono in –logia (archeologia, zoologia, ecologia, ecc.) sono state infine la molla che mi ha spinto ad esplorare alcuni dei luoghi più remoti e belli della Terra, alla ricerca di meraviglie naturali o storiche: la natura incontaminata della Groenlandia, le steppe desertiche d’alta quota dell’altopiano tibetano, girovagare per una città inca abbandonata sulle Ande, trovare le colonie di uccelli marini sul Pacifico seguendo l’odore del guano, le alte quote africane con la loro lussureggiante e fantastica vegetazione.

Le asperità del lavoro sul campo, la preparazione necessaria, l’impegno, la sperimentazione, le frustrazioni e le soddisfazioni fanno tutto parte di qualcosa più simile a uno stile di vita che altro."
Sito: alessandrovaio.com



Bio [EN]
 "I would describe myself as an archaeologist, traveler, explorer, photographer, even if not in this order necessarily. I have been a passionate for nature since I begun going in the mountains with my father during my childhood. The numerous books read and the countless documentaries watched favored me in this itinerary.

Master of Sciences in Archaeology, the fascination of nature, curiosity and the interest for the -ology sciences (archaeology, zoology, ecology, etc...) led me to explore some of the wildest and most beautiful places on the Earth, seeking natural and historical wonders: the uncontaminated nature of Greenland, the desert steppe of the Tibetan Plateau, wandering around an abandoned Incan city in the Ande, finding the colonies of marine birds following the smell of their guano on the Pacific Ocean, the lush and fairy tale vegetation of the African mountains.

The hardships of field work, preparation, commitment, experimentation, frustration and satisfaction, all contributed together into something similar to a lifestyle more than anything else."
Website: alessandrovaio.com

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".