Skip to main content

Non fate i bravi


L'e-book dal titolo Non fate i bravi. Educare e normalizzare in Italia oggi, a cura di Claudia Boscolo e con Prefazione di Maria Maddalena Mapelli, è scaricabile liberamente - anche in formato .epub - dal sito della rivista Psychiatry on line Italia.

Un'intervista agli autori sul sito "Critica impura". 
Tutto nasce dal faccione sorridente di tata Lucia. I segreti delle famiglie felici. Il grande libro del prodigioso metodo “fate i bravi!”. Il faccione sorridente di tata Lucia aveva il posto d'onore, in una nota libreria di Padova, appena entrati, sulla destra, a fianco di altri titoli in vendita per i regali di Natale da mettere sotto l’albero. L' e-book nasce dall'idea di soffermarsi su questa “invenzione scenica”, il mettere in primo piano il libro migliore, che è la merce che si presume possa vendere di più: sarebbe stato più semplice andare oltre, e affrettarsi alla cassa, continuare a farsi travolgere dalla banalità in cui siamo quotidianamente immersi in un fluire continuo di immagini semplificate e costruite per veicolare opinioni e plasmare la nostra immagine del mondo. Ma in quel momento, il faccione di tata Lucia, con quel suo sorriso carico di promesse e quel “fate i bravi!” e quella pretesa di svelare il segreto per essere famiglie felici si è trasformato nell'immagine emblema, nell'esemplificazione perfetta della miriade di continue ingiunzioni ad essere “normali”, omologati, disciplinati e standardizzati.
Estratto dalla Prefazione di Maria Maddalena Mapelli.

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…