Skip to main content

Disabilità e lavoro: "adattamento ragionevole"

La sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea (4 luglio 2013, causa C-312/11) ha stabilito che la Repubblica italiana è venuta meno al suo obbligo di recepire correttamente e completamente l’articolo 5 della direttiva 2000/78/CE del Consiglio (27 novembre 2000).
Il recente "decreto lavoro", legge del 9 agosto 2013, n. 99 ha introdotto l'accomodamento (adattamento/soluzione) ragionevole con l'aggiunta dell'art. 3 bis al decreto legislativo del 9 luglio 2003, n. 216:
Al fine di garantire il rispetto del principio della parita' di trattamento delle persone con disabilita', i datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad adottare accomodamenti ragionevoli...  Per leggere tutto il testo-->> 

Approfondimenti:
Commento della causa C-312/11, pubblicato sul sito della "Rivista dell'Associazione italiana dei costituzionalisti (AIC)". 
L'adattamento ragionevole nel diritto al lavoro delle persone con disabilità. Il documento (25 p. in .pdf) riproduce anche gli articoli o le parti di maggior interesse della normativa e della giurisprudenza di riferimento.

Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n. 4-00157 [Interrogazione sull'applicazione della direttiva 2000/78/CE]. Legislatura 17. Risposta [del Ministro del lavoro e politiche sociali] ad interrogazione scritta n. 4-00157.

Per scaricare il testo per esteso della normativa italiana citata, consultare Normattiva.it.

Al di là delle differenze di interpretazione e applicazione dell'obbligo di adattamento ragionevole in Italia, segnalo un sintetico e chiaro opuscolo informativo (2 p., con esempi) in lingua italiana Impiego. Disabilità e adattamenti ragionevoli, del New York State Division of human rights.

Comments

Popular posts from this blog

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".

Agenda Ambientalista 2018

L’Agenda Ambientalista 2018 con le sue proposte vuole costituire un contributo alla ri-conversione ecologica del Paese rivolto alle forze politiche che si confrontano nella campagna per le elezioni nazionali 2018 e in vista del confronto sul programma del nuovo Governo con il Presidente del Consiglio, che sarà incaricato. Le 23 Associazioni promotrici dell’Agenda Ambientalista 2018 sono: Accademia Kronos, AIIG, Associazione Ambiente e Lavoro, CTS, ENPA, Fare Verde, Federazione Pro Natura, FIAB, Forum Ambientalista, Greenpeace Italia, Gruppo di Intervento Giuridico Onlus, Gruppi di Ricerca Ecologica, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Marevivo, Mountain Wilderness, Rangers d’Italia, SIGEA, Slow Food Italia, TCI, VAS, WWF. LEGGI LE PROPOSTE sul sito del Gruppo d'Intervento Giuridico.