Skip to main content

Estratti d'autore: Franco Arminio

Ogni volta che entro in un paese nuovo, provo un'emozione vera. Bisogna avere un occhio trasversale per superare ciò che, a prima vista, sembra uguale. È con quest'occhio e con questo cuore che tutto, piano piano, diviene interessante, unico. Un'osservazione partecipe diventa un'osservazione terapeutica. In fondo non posso nascondere che per me la paesologia è una terapia. Uscire dalle case in cui per tanto tempo ci siamo rintanati, pensando di stare al sicuro, uscire dalla baracca mefitica del proprio io. La paesologia è una strada sul crinale, a metà tra una nuova forma di impegno e una cerimonia religiosa, a metà tra poesia ed etnologia, sempre però ben lontani dalla paesanologia e dalle sue sagre.
...
La mia visione parte dallo sgomento di stare in un pianeta pieno di merci, un pianeta in cui non sappiamo più farci compagnia e nel quale ognuno in cuor suo sembra aver dato addio a tutti gli altri. In Terracarne parlo di autismo corale, parlo della nostra incapacità di passare il tempo in compagnia e in lietezza.

Franco Arminio, Scoprite la "paesologia", scienza dei luoghi perduti, "la Repubblica", 25 novembre 2011.

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

Marco D'Eramo presenta "Il selfie del mondo"

La città turistica come messinscena: un estratto dal saggio di Marco d’Eramo, Il selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, sul sito dell'associazione "cheFare".