Skip to main content

Pelle artificiale in robotica e altre applicazioni / Artificial skin in robotics and other applications

La ricerca, pubblicata con il titolo Biomimetic temperature-sensing layer for artificial skins, di Raffaele Di Giacomo et al., è scaricabile da "Science Robotics"  e da "arXiv.org"
ha permesso di sviluppare una “pelle artificiale”, film sottile (pochi micron), trasparente e flessibile a base di pectina e ioni calcio in grado di rilevare cambiamenti di temperatura con un meccanismo simile a quello usato da organi-sensori delle vipere per riconoscere, al buio, prede a sangue caldo; il nuovo materiale sviluppato è in grado di generare una risposta elettrica a cambiamenti di temperatura. A differenza di sensori tradizionali e commerciali che rilevano cambiamenti di temperatura in un range di 5°C, il film è in grado di rilevare cambiamenti minimi (di un ordine inferiore) in un range tra 5 e 50 °C, cosa che lo rende particolarmente interessante per applicazioni biomediche e in robotica. La pectina contiene ioni calcio legati debolmente; un aumento, anche di frazioni di grado di di T, rompe localmente i legami rilasciando gli ioni calcio e diminuendo la resistenza elettrica; la corrente elettrica generata può essere misurata attraverso appositi elettrodi inseriti nel film, generando una mappa bidimensionale che con un software dedicato determina la localizzazione precisa della variazione di T.
Fonte: News dal sito dell'Università di Salerno

Sul blog "Robotiko", una panoramica sulle recenti ricerche nel settore.




Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…