Skip to main content

Italia: 30 anni fa il primo collegamento a Internet

Timeline of CNUCE
Notizia ANSA

Nel 1965, anno della costituzione del CNUCE*, in collaborazione con IBM fu pubblicato un lavoro pionieristico dell’elettronica applicata all'analisi di testi: La Divina Commedia. Testo, concordanze, lessici, rimario, indici.

In occasione dei 700 anni dalla nascita di Dante Alighieri "l’IBM e il nascente CNUCE, Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico, cui l’IBM aveva donato un potente calcolatore [il 7090], presentarono un prezioso biglietto da visita: una concordanza della Divina Commedia ottenuta computando elettronicamente le occorrenze delle circa settemila parole del poema. Le rilevazioni elettroniche e, più in genere, la statistica linguistica erano allora viste o, meglio, intraviste come un oggetto misterioso e malfido. Pochi avevano notizie precise della grande impresa di lemmatizzazione delle opere di san Tommaso avviata a Gallarate da padre Roberto Busa con il supporto della IBM. Era restata una rara avis l’inserzione di una voce Statistica linguistica nell'Appendice III, 1961, dell’Enciclopedia italiana. La concordanza dantesca per la prima volta metteva sotto gli occhi di letterati, filologi, linguisti italiani un concreto esempio delle potenzialità dell’elettronica applicata all'analisi di testi. Ma la diffidenza durò, ed è durata ancora a lungo, fino alle soglie del travolgente imporsi della rete nella nostra quotidianità..." fonte: Tullio De Mauro, Fogli di un diario linguistico 1965-2015.

*A seguito della fusione tra l'Istituto CNUCE (CNUCE-CNR) e l'Istituto di elaborazione dell'informazione (IEI-CNR), nel settembre 2000 venne costituito l'ISTI (Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione “A. Faedo”).

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…