Skip to main content

Il corpo tossico del godimento

È il pregnante titolo di una recensione-analisi di Pietro Bianchi su "The Wolf of Wall Street" di Martin Scorsese. Ne riporto un breve estratto.
Per riuscire ad anestetizzare completamente ogni elemento divisivo, assume un ruolo di primo piano l'uso di sempre nuove modalità di sballo che si ripetono lungo tutto il film. Non è solo l'enorme spazio che hanno le droghe (dal crack, alla cocaina, alle pastiglie di medicinali come Quaalude o Xanax) ma è, in modo ancor più radicale, la rappresentazione di una dimensione dell'esperienza dove nulla viene assunto tramite la mediazione della propria soggettività ma solo tramite un corpo. Un corpo intransitivo, che non rimanda a nient'altro, che non si fa nemmeno parola. Un corpo che è puro godimento, che è pura pulsione. Per questo motivo The Wolf of Wall Street non è un romanzo di formazione. Perché non c'è l’esperienza di un soggetto, ma solo quella di un corpo pulsionale.
Ma l'anestetizzazione che cancella la domanda soggettiva, prima ancora che essere corporea, è etica. Nessuno in questo film prova mai un senso di colpa, né una qualche esperienza di dubbio o di riflessività, nemmeno di fronte alla morte che significativamente viene citata tre volte e sempre senza batter ciglio, quasi come se fosse un evento come un altro (un collega suicida, che viene menzionato en passant da Jordan mentre sta parlando delle abilità sessuali di un'altra collega; la zia Emma, che desta preoccupazione solo perché faceva da prestanome di un conto in Svizzera –, e l'amico Brad che nonostante venisse presentato come uno degli amici più fidati ci viene detto che muore a 35 anni di attacco di cuore mentre lo vediamo avere un rapporto sessuale con diverse ragazze nello stesso momento)...
Leggi l'intero articolo su "Le parole e le cose" (26 gennaio 2014).

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…