Skip to main content

Qualità dell'ambiente urbano: 11. Rapporto (2015)


"... Realizzato dall'intero Sistema nazionale per la protezione ambientale (ISPRA/ARPA/APPA), si è consolidato negli anni come un riferimento per gli addetti ai lavori e per gli utenti tutti grazie anche alle analisi e valutazioni con cui gli esperti del Sistema hanno accompagnato i numerosi dati presentati, guidando il lettore nella comprensione dei fenomeni e illustrando possibili strategie di risanamento. L’edizione 2015 del Rapporto propone un set di indicatori ambientali che sono rivisitati, aggiornati e arricchiti ogni anno per l’analisi della qualità ambientale delle città e che concorrono alla valutazione della qualità della vita nelle aree urbane italiane. Nell'edizione 2015 del Rapporto 12 nuove città sono inserite nell'analisi. I Comuni analizzati sono in totale 85, comprendono la maggior parte dei capoluoghi di provincia con popolazione superiore ai 40.000 abitanti e tutti i capoluoghi delle regioni italiane.
Diversi i temi trattati: suolo e territorio, natura urbana, rifiuti, acque, qualità dell'aria, trasporti e mobilità, esposizione all'inquinamento acustico, azioni e strumenti per la sostenibilità locale."

Il rapporto è sfogliabile e scaricabile (intero o per singoli capitoli) dal sito dell'ISPRA.

Fonte dell'immagine.


Comments

Popular posts from this blog

Digiwhist: un progetto europeo anticorruzione

A facilitare il compito di chi punta a scrutare da vicino le gare è Digiwhist, un progetto europeo che punta a raccogliere, organizzare e rendere disponibili in maniera più semplice e chiara i dati sugli appalti pubblici di 35 Paesi europei (i 28 Stati membri dell’Ue più la Norvegia, la Svizzera, l’Islanda, la Serbia, la Georgia, l’Armenia e le istituzioni europee). I membri di Digiwhist – un consorzio formato da sei istituti di ricerca europei – hanno presentato il loro progetto, pensato all’interno del programma Horizon 2020, in occasione di una conferenza del Parlamento europeo a Bruxelles. L’obiettivo di Digiwhist è duplice: da un lato vuole fornire agli eurodeputati, ai giornalisti e agli attori della società civile strumenti che permettano di seguire il percorso dei finanziamenti pubblici usando l’immensa quantità di dati che le amministrazioni pubbliche rendono disponibili (i cosiddetti Big data); dall’altro saranno le stesse amministrazioni a poter usare Digiwhist per miglior…

La Regione Piemonte sulla sperimentazione animale

È stato approvato ieri mattina, con emendamenti, dal Consiglio regionale il progetto di legge (PdL) n. 140 "Norme in materia di promozione dei metodi sostitutivi alla sperimentazione animale e istituzione del Comitato etico regionale per la promozione di metodologie sostitutive alla sperimentazione animale".
Il comunicato stampa sul sito del Consiglio regionale.
Il dossier virtuale e l'iter del PdL n. 140.

The carbon footprint of tourism / L' impronta di carbonio del turismo

"Tourism contributes significantly to global gross domestic product, and is forecast to grow at an annual 4%, thus outpacing many other economic sectors...   The rapid increase in tourism demand is effectively outstripping the decarbonization of tourism-related technology. We project that, due to its high carbon intensity and continuing growth, tourism will constitute a growing part of the world’s greenhouse gas emissions..." I risultati della ricerca condotta nell'University of Sydney, University of Queensland  e National Cheng Kung Universitym è pubblicata (con accesso riservato) con il titolo The carbon footprint of global tourism su "Nature Climate Change".
Alcuni commenti:
- in italiano L’impronta di carbonio del turismo globale è 4 volte più pesante di quanto si pensasse, su Greenreport.it,
- in inglese The carbon footprint of tourism revealed (it’s bigger than we thought), su "The Conversation".