Skip to main content

Qualità dell'ambiente urbano: 11. Rapporto (2015)


"... Realizzato dall'intero Sistema nazionale per la protezione ambientale (ISPRA/ARPA/APPA), si è consolidato negli anni come un riferimento per gli addetti ai lavori e per gli utenti tutti grazie anche alle analisi e valutazioni con cui gli esperti del Sistema hanno accompagnato i numerosi dati presentati, guidando il lettore nella comprensione dei fenomeni e illustrando possibili strategie di risanamento. L’edizione 2015 del Rapporto propone un set di indicatori ambientali che sono rivisitati, aggiornati e arricchiti ogni anno per l’analisi della qualità ambientale delle città e che concorrono alla valutazione della qualità della vita nelle aree urbane italiane. Nell'edizione 2015 del Rapporto 12 nuove città sono inserite nell'analisi. I Comuni analizzati sono in totale 85, comprendono la maggior parte dei capoluoghi di provincia con popolazione superiore ai 40.000 abitanti e tutti i capoluoghi delle regioni italiane.
Diversi i temi trattati: suolo e territorio, natura urbana, rifiuti, acque, qualità dell'aria, trasporti e mobilità, esposizione all'inquinamento acustico, azioni e strumenti per la sostenibilità locale."

Il rapporto è sfogliabile e scaricabile (intero o per singoli capitoli) dal sito dell'ISPRA.

Fonte dell'immagine.


Comments

Popular posts from this blog

Agenda Ambientalista 2018

L’Agenda Ambientalista 2018 con le sue proposte vuole costituire un contributo alla ri-conversione ecologica del Paese rivolto alle forze politiche che si confrontano nella campagna per le elezioni nazionali 2018 e in vista del confronto sul programma del nuovo Governo con il Presidente del Consiglio, che sarà incaricato. Le 23 Associazioni promotrici dell’Agenda Ambientalista 2018 sono: Accademia Kronos, AIIG, Associazione Ambiente e Lavoro, CTS, ENPA, Fare Verde, Federazione Pro Natura, FIAB, Forum Ambientalista, Greenpeace Italia, Gruppo di Intervento Giuridico Onlus, Gruppi di Ricerca Ecologica, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Marevivo, Mountain Wilderness, Rangers d’Italia, SIGEA, Slow Food Italia, TCI, VAS, WWF. LEGGI LE PROPOSTE sul sito del Gruppo d'Intervento Giuridico.

Difendere una incantevole romita bellezza

"Il Commissario per gli Usi Civici di Lazio, Umbria e Toscana, con sentenza n. 19 del 13 marzo 2018, ha definitivamente scacciato parcheggi autoveicoli e autocaravan dai terreni a uso civico al Piano Grande e al Pian Perduto di Castelluccio di Norcia (PG).

Per ora è noto solo il dispositivo della sentenza: è stato comunque accolto il ricorso effettuato nell’estate 2015 (5 agosto 2015) dalle associazioni Mountain Wilderness Italia – Umbria e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus per difendere natura, paesaggio e diritti di uso civico dei Piani di Castelluccio, posti in pericolo dal gran numero di autoveicoli e camper presenti durante l’estate..."

LEGGI TUTTO sul sito del Gruppo d'Intervento Giuridico.