Skip to main content

Psicopatia e cinema / Psychopathy and the cinema

Samuel J. Leistedt e Paul Linkowski in Psychopathy and the Cinema: Fact or Fiction? - pubblicato on line sul "Journal of Forensic Sciences" il 13 dicembre 2013 - hanno indagato il rapporto tra cinema e psicopatia attraverso l'analisi della rappresentazione di personaggi psicopatici in film di grande successo.
Sono stati selezionati da 400 film (dal 1915 al 2010) 126 caratteri psicopatici di fantasia (21 donne e 105 uomini) in base al realismo e all'accuratezza clinica del loro profilo.

Su "The Boston Globe" A taxonomy of movie psychos. A searchable database with all 126 characters / Una tassonomia di psicopatici cinematografici. Un database ricercabile con tutti i 126 personaggi. 

La notizia in lingua italiana su Vanityfair.it.

Comments

Popular posts from this blog

Digiwhist: un progetto europeo anticorruzione

A facilitare il compito di chi punta a scrutare da vicino le gare è Digiwhist, un progetto europeo che punta a raccogliere, organizzare e rendere disponibili in maniera più semplice e chiara i dati sugli appalti pubblici di 35 Paesi europei (i 28 Stati membri dell’Ue più la Norvegia, la Svizzera, l’Islanda, la Serbia, la Georgia, l’Armenia e le istituzioni europee). I membri di Digiwhist – un consorzio formato da sei istituti di ricerca europei – hanno presentato il loro progetto, pensato all’interno del programma Horizon 2020, in occasione di una conferenza del Parlamento europeo a Bruxelles. L’obiettivo di Digiwhist è duplice: da un lato vuole fornire agli eurodeputati, ai giornalisti e agli attori della società civile strumenti che permettano di seguire il percorso dei finanziamenti pubblici usando l’immensa quantità di dati che le amministrazioni pubbliche rendono disponibili (i cosiddetti Big data); dall’altro saranno le stesse amministrazioni a poter usare Digiwhist per miglior…

Il coraggio di Nice

Oggi, in occasione della Giornata internazionale contro le mutilazioni genitali femminili: zero tolleranza per le MGF / International Day of zero tolerance for female genital mutilation (FGM), Angelo Ferrari sul sito dell'Agenzia giornalistica Italia (AGI) traccia un profilo di Nice Nailantei Leng’ete, una donna Maasai che è riuscita a introdurre nel suo villaggio un rito alternativo che conserva la tradizione ma bandisce la mutilazione.

"... Nice Nailantei Leng’ete lotta da una vita, da quando ha 9 anni, oggi 28enne, per restituire dignità alle bambine africane. “Una lotta contro l’indifferenza”, come le[i] dice. Nice, operatrice di Amref Health Africa, è nata in una tribù di pastori ed è cresciuta in un villaggio rurale ai piedi del monte Kilimangiaro. All’età di 9 anni è fuggita, ha detto no con coraggio alla zia che voleva sottoporla alla mutilazione genitale, come è da tradizione nel popolo Maasai..."

A proposito di musica

Cent'anni fa le occasioni in cui qualcuno poteva ascoltare musica erano rare e, per ciò stesso, speciali e qualificate. Oggi c’è gente che passa le giornate in una perenne bulimica stimolazione acustica, ridotta a particelle ritmiche e protomelodiche ridondanti. La stimolazione ‘musicale’ si è ampliata infinitamente, l’esperienza musicale si è assottigliata fino all'insignificanza. Fonte: Andrea Zhok, Su populismo e cultura. Cultura popolare, autoriale, volgare.