Skip to main content

"Our Bodies Ourselves" needs your support / "Noi e il nostro corpo" ha bisogno del tuo sostegno


Copertina dell'ed. it. 1975

Cara amica e caro amico:

Da 45 ani “Noi e il nostro corpo” ha reso più forti (empowerment) donne di tutte le generazioni permettendo di decidere in maniera informata della loro sessualità e salute. Se non avete ancora visto il magnifico appello di Gloria Steinem e Lena Dunham sull’importanza di “Noi e il nostro corpo” collegatevi al seguente link: http://www.ourbodiesourselves.org/obostaughtme-fundraising-campaign/a-note-from-gloria-and-lena/.

 “Noi e il nostro corpo” si trova a un bivio: a causa di royalty bassissime e finanziamenti ridotti della fondazione potremmo dover chiudere. In una riunione recente del consiglio di amministrazione di “Noi e il nostro corpo”, fondatrici e personale abbiamo definito una lista delle linee strategiche essenziali per permettere a N&NC di avere un futuro più sostenibile e più efficace. Le nostre linee strategiche sono riportate di seguito ed abbiamo già iniziato ad attuarle. Tuttavia dipendiamo sempre più da donazioni individuali come te, perché N&NC (OBOS) possa sopravvivere e continuare con il suo lavoro cosi importante.

PER FAVORE DONATE SUBITO: è una campagna di crowdfunding. Fate sì che giri, che diventi virali, contattando le vostre reti nelle prossime settimane: http://action.ourbodiesourselves.org/page/content/obostaughtme/.

Se la campagna ha successo, N&NC si impegna a:
- Creare una nuova generazione di risorse affidabili per la salute e la sessualità – la maggior parte in forma digitale – per le donne e le ragazze in tutto il mondo;
- Lottare con la disinformazione e continuare a lottare con i molti conflitti di interesse che impediscono l’accesso a servizi e informazioni di alta qualità;
- Rendere più potenti (empowerment) la prossima generazione di difenditrici della salute delle donne; Sviluppare la partnership globale;
- Creare collegamenti e appartenenze con istituzioni non profit e nel campo dell'istruzione che abbiano posizioni simili alle nostre;
- Identificare una nuova leadership per N&NC che sostenga e porti avanti questo lavoro.

Ogni giorno incontro persone che mi raccontano quanto sia stato importante per loro “Noi e il nostro corpo”. Donne giovani ci dicono che il sito web è stato importante per risolvere problemi di salute o altre sfide che dovevano risolvere. Con tutta la cattiva informazione e disinformazione sulla rete erano grate che ci fosse una fonte affidabile, con informazione facilmente accessibile.

Il lavoro di N&NC è anche essenziale per il miglioramento della salute e dei diritti umani delle donne e delle ragazze (vedi http://www.ourbodiesourselves.org/2014/08/transparency-cross-border-surrogacy/). E con l’avvio della campagna presidenziale possiamo aspettarci ulteriori attacchi alla salute delle donne e ai diritti riproduttivi (spesso basati su menzogne e disinformazione). N&NC può rispondere come associazione di grande credibilità – come abbiamo fatto nel 2012 con la campagna “Educate Congress”.

Se usate Facebook, per favore condividete il link sulla vostra pagina Facebook e mettete anche un ‘mi piace’ OBOS sulla homepage di Facebook di http://www.ourbodiesourselves.org. In fine se avete tempo mandate una foto digitale con un cartello #OBOSTaughtMe e una breve frase che dica qualcosa su che cosa avete imparato da OBOS, o chiedete ad amiche e amici o a parenti di farlo. Controllate le pagine di N&NC per vedere foto recenti. Questi testimonial arricchiscono e vivacizzano questa campagna cosi importante.

Per favore fate quello che potete.
Col il vostro aiuto OBOS potrà continuare a esistere!

Ringraziandovi molto
Judy Norsigian
Co-fondatrice ed ex direttrice di OBOS (Our Bodies Ourselves)

La trad. it. dell'appello è a cura di Vicky Franzinetti.

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…