Skip to main content

I droni: impiego civile e militare

I droni: arma del futuro?: un'analisi approfondita e documentata di Sacha Bacchi, Sistema informativo a schede (SIS): mensile dell'Istituto di ricerche internazionali, Archivio Disarmo, n. 5 2014, 55 p. in .pdf.
Si riportano l'Abstract e l'Indice.
Abstract 
Negli ultimi dieci anni, i sistemi a controllo remoto sono diventati un mezzo di importanza strategica all’interno della strategia americana della Guerra al Terrore. Data la loro tecnologia duale, stiamo assistendo al rapido sviluppo e proliferazione dei droni anche in campo civile. Ma parallelamente al loro impiego incrementale, anche il dibattito sul loro uso aumenta. Questo lavoro affronta le principali questioni relative all’escalation del programma UAV, concentrandosi in sei aree: definizione dei principali sistemi e modalità di impiego, il dibattito internazionale, la proliferazione ed il mercato mondiale, le operazioni della CIA fuori dai teatri di guerra, la legalità del targeted killing tramite droni rispetto al diritto internazionale rilevante ed i sistemi ad autonomia completa.
Indice
Introduzione  p. 1
Cosa sono e come sono impiegati   p. 2
Il dibattito generale  p. 5
L’uso civile dei droni: lo spettro di un’epoca orwelliana? p. 15
Proliferazione: la corsa mondiale ai droni militari             p. 21
- Gli Stati Uniti: la flotta e l’evoluzione storica
dell’impiego degli UAV armati  p. 23
- Israele   p. 25
- La Gran Bretagna   p. 27
- Il mercato europeo e l’Italia  p. 28
- Cenni su Russia e Cina   p. 30
I due programmi americani ed il ruolo controverso
della CIA   p. 31
La conformità del programma al diritto internazionale    p. 36
- La legalità rispetto alla sovranità dello stato territoriale:
lo Ius ad Bellum   p. 38
- Lo Ius in Bello   p. 42
La robotica          p. 45



Alcuni aggiornamenti su Italia e droni armati
Washington pronta a vendere le armi per i droni agli alleati (20 febbraio 2015), a cura della redazione di "Analisi Difesa".
I droni armati che mancano all’Italia "Impossibile averli prima di un anno"... (23 aprile 2015), di Paolo Valentino sul Corriere della sera on line.


Il dibattito alle Nazioni unite sui droni armati
Debating "Killer Robots" at the United Nations (13 aprile 2015), sul sito "The Center for the Study of the Drone".

Roboetica. Focus sulle problematiche civili e militari dei droni, di Gianmarco Veruggio e Fiorella Operto, rivista "Mondo digitale" settembre 2015 [aggiornamento del 13 ottobre 2015].
Abstract 
(IT) Questo saggio illustra i problemi normativi e i nuovi problemi etici, legali e sociali derivanti dalla crescente diffusione dei droni al di fuori dei tradizionali ambiti militari e di ricerca. La maggior parte di questi problemi sono direttamente collegati all’origine militare dei droni; ma anche in ambito civile le questioni di sicurezza, nonché di privacy, segretezza e anonimato, stanno aumentando a mano a mano che l’impiego dei droni si integra con lo sviluppo delle reti di comunicazione wireless e delle applicazioni basate su Internet. 
(EN) This paper outlines the new issues posed by the increasing spread of the use of drones beyond the scope of their traditional research and military employment. Updated regulatory rules are needed because of the increasing development of civilian consumer market. Urgent ethical, legal and societal aspects (ELSA) should be dealt because of the massive use of drones in the so called "war on terror". Actually, most of these issues arise form the military origin of the UAV (Unmanned Aerial Vehicle). But also their civilian use poses important problems of safety, privacy, anonymity and secrecy.

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…