Skip to main content

Free Speech Movement / Il movimento per la libertà di parola. Berkeley 1964-2014






Mario Savio fu un protagonista della rivolta studentesca di Berkeley del 1964.
"... Ha i capelli crespi, gli occhi azzurri e un difetto di pronuncia, si chiama Mario Savio [...] I suoi genitori sono partiti dalla Sicilia per cercare lavoro come operai, lui invece è un genio della fisica. Già da liceale ha scoperto degli errori di calcolo nelle tabelle della marina militare statunitense sulla propagazione del suono in acque profonde e il suo lavoro è stato pubblicato. Al momento dei fatti che stiamo narrando, Savio è già andato in prigione, accusato di violazione di domicilio per avere protestato nella sede di una confederazione d’alberghi contro l’assunzione di personale nero solo per lo svolgimento delle mansioni più umili..." leggi l'intero articolo di Luisa Maria Leto, L'incredibile storia del ribelle di Berkeley.  


Put your bodies on the gears. Mario Savio e il Free Speech Movement, di Valentina De Rossi.
Gli Stati Uniti culla della protesta, di Ilaria Mori.

I carteggi che documentano l’accanimento contro Savio sono stati esaminati solo di recente, dopo che lo studioso Seth Rosenfeld riuscì a farseli consegnare invocando il "Freedom of Information Act".
Rosenfeld è autore di Subversives. The FBI's war on student radicals, and Reagan’s rise to power.

Mario Savio Memorial Lecture
Mario Savio Young Activist Award, è il sito da cui sono tratte le immagini di Mario Savio.

Il sito di "Free Speech Movement (FSM) 50" da cui è tratta l'immagine di apertura.

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…