Skip to main content

Il metodo del “Confronto Creativo”

… [P]erché un processo deliberativo nella sfera pubblica possa essere chiamato confronto creativo le seguenti sette condizioni devono essere soddisfatte:
1. inclusione di una cerchia più ampia e completa possibile di tutti i portatori di interessi, di preoccupazioni e di punti di vista relativi al tema in discussione;
2. un tema che sia significativo per i partecipanti e che abbia un impatto duraturo nel tempo;
3. i partecipanti stessi formulano autonomamente delle regole ad hoc relative ai propri comportamenti e al processo decisionale che vogliono adottare;
4. un processo che mette al centro la comprensione dei reciproci interessi e non la negoziazione delle posizioni;
5. un dialogo teso alla ricerca congiunta di nuove proposte giudicate "migliori" di quelle di partenza dal numero più vasto possibile di partecipanti;
6. la ricerca di un esito nel quale non vi sono vincitori e perdenti e giudicato "accettabile" anche dai partecipanti meno entusiasti;
7. la comprensione del fatto che "il consenso" è raggiunto solo quando tutti gli interessi in campo sono stati esplorati e tutti gli sforzi sono stati fatti per soddisfare quanto li concerne (J. Innes 2004).

Fonte: Il metodo del Confronto Creativo: un upgrading della democrazia, di Marianella PB Sclavi, in Riflessioni sistemiche, n. 2 (2010), pp. 128-138.
Sommario L’approccio del Confronto Creativo (CC) si distingue da quello della democrazia parlamentare perché ai tre principi del diritto di parola, di contraddittorio e voto a maggioranza, contrappone altri tre principi: diritto di ascolto, il diritto di collaborare nella moltiplicazione delle opzioni e il diritto al co-protagonismo nella invenzione di nuove soluzioni. L'articolo illustra due storici esempi e propone una teoria dei "4 livelli della democrazia deliberativa".

Comments

Popular posts from this blog

Derek Walcott "Alla fine di questo verso c'è una porta che si apre"

Derek Walcott (1930-2017) sul sito "Letteratura" di Rai Cultura

About limits of forensic science / Sui limiti della scienza forense

"Wrongful convictions occur with shocking frequency in the United States. A record 166 exonerations were recorded in 2016 by the National Registry of Exonerations, bringing the total since 1989 to nearly 2,000. This represents only a fraction of those who should never have been sent to prison.

In 2005 I produced a documentary showcasing several cases in which flawed forensic analyses helped to get innocent people locked up. Riky Jackson went behind bars for two years because of incorrectly matched fingerprints. Jimmy Ray Bromgard spent nearly 15 years in jail, mainly because of hair comparisons that lacked scientific rigour. Now I’m a scientist who uses data analysis to promote human rights, and I’m disheartened to see these errors continue. That is why I hope that a US federal commission will vote next week to endorse practices that would transform how forensic analysts talk about evidence..." segue su "Nature" l'articolo Label the limits of forensic science,…